Author: admin (page 1 of 4)

Le Cecche was awarded “One of the best products of the region” by wein.plus

VINITALY 2022

We will be present at the the Vinitaly Fair in Verona from April 10th till April 13th 2022

Verona
HALL 10
BOOTH I2

Diano d’Alba ‘20

Jean Jules de Bruyne si è impegnato con successo nell’interpretazione dei principali vitigni di Langa, dedicandosi negli ultimi anni ad ampliare i suoi vigneti di nebbiolo e a proporre quindi belle selezioni di Barolo. Non ha però mai smesso di coltivare con passione le sue uve dolcetto, da cui nasce questo piacevolissimo Diano d’Alba ‘20. Intensi frutti rossi freschi ed eleganti precedono un sorso importante, appena appena tannico ma anche di piacevole freschezza: un vino invitante e stuzzicante.

Bricco San Pietro, Barolo, Monforte d’Alba, 2017

Blind tasted by Aldo Fiordelli(at Alba, Hotel I Castelli, 29 Mar 2021)

93

Le Cecche is a relatively young (for Barolo) winery founded in 2002 by Belgian Jan de Bruyne. The south-facing vineyards within Bricco San Pietro are at rather high altitudes of between 350 and 400 metres: quite an important detail in the warm 2017 vintage. The wine is aged in French tonneaux as well as barriques, of which 30% are new, for at least 24 months. The wine is fresh and characterised by a lemon leaf, almost lemongrass, aroma with smoky woodland and rhubarb in depth. The supple palate is extremely well balanced with refined ripe tannins, intense strawberry fruit, and lifted natural acidity. Just a bit warming on the finish, its otherwise very good and not difficult to drink.
Drinking Window 2021 – 2040

Slow Wine 2022

DIANO D’ALBA (CN)


LE CECCHE

VITA – Jan de Bruyne, ex medico belga con la passione per il vino, nel 2021 ha comprato la tenuta dianese di Le Cecche con la moglie Paola Invrea. Ma il suo non è il classico buen retiro, perché da allora ha continuato a investire e cercare nuovi spazi, prima mettendo il naso nell’affollato e costoso mondo del Barolo, poi ammodernando gli impianti nei dintorni della cantina (circa 2 ettari tra il 2020 e il 2021), e quindi sbarcando in Alta Langa con 1,5 ettari a Bossolasco.
VIGNE – Diano, non ci stanchiamo di ripeterlo, è un comune che merita rispetto e attenzione soprattutto nella sua vocazione dolcettista, da tanti misconosciuta. Fa quindi piacere che gli investimenti di Jan siano partiti da qui. Ma come detto poi non si è più ferma-to, e tra le altre cose ha messo piede nelle menzioni barolistiche di Borzone (Grinzane Cavour), Sorano (Serralunga d’Alba) e Bricco San Pietro (Monforte d’Alba).
VINI – La conduzione enologica si avvale della consulenza di Piero Ballario, per vini che cercano la precisione e scontano qualche rigidità in gioventù.

Diano d’Alba 2020 • 3.000 bt; 8 € –  Diano è Dolcetto, come dicevamo, e ci piace partire da qui, da un vino dalla delicata espressività fruttata e floreale, con note che richiamano la susina e la mandorla, e una bocca che ha succo e beva, e che col tempo saprà distendersi alla grande.

Barolo Bricco San Pietro 2017 • 3.500 bt; 32 € – Al momento dell’assaggio era ancora segnato dai legni di affinamento, ma già si potevano intravedere la compattezza del sorso, la dolcezza del frutto e la discreta succosità.

Langhe Rosso 2020 • nebbiolo, dolcetto, barbera, merlot; 14.000 bt; 8 € –  Fruttato, fresco, caratteriale.

Nebbiolo d’Alba 2018 • 4.500 bt; 14 € – Varietale, fruttato, incisivo.

Diano d’Alba Sorì Le Cecche 2019 • 900 bt; 14 € – Morbido, polposo, increspato.


ha 8,2 – bt 40.000 Fertilizzanti letame, letame in pellet

Fitofarmaci chimici di sintesi, rame, zolfo

Diserbo lavorazione meccanica/manuale

Lieviti selezionati industriali

Uve 100% di proprietà

Certificazione nessuna certificazione
LANGHE E ROERO – PIEMONTE

Gambero Rosso 2022

  • VENDITA DIRETTA
  • VISITA SU PRENOTAZIONE
  • PRODUZIONE ANNUA 35.000 bottiglie
  • ETTARI VITATI 8,00
  • AZIENDA SOSTENIBILE

 

Alla ricerca di un buen retiro nelle Langhe, Jean Jules de Bruyne ha identificato oltre vent’anni fa la sua dimora ideale nella cascina in località Le Cecche. La passione per la viticoltura è nata immediata, proprio a partire dai vigneti di dolcetto che circondavano l’abitazione, e si è via via ampliata andando ad abbracciare zone vocate per il Barolo: Bricco San Pietro, Sorano e Borzone. Il tutto sotto la supervisione agronomica del bravissimo Gian Piero Romana. Le pratiche di cantina sono quasi identiche per le diverse selezioni, ivi compreso un importante Nebbiolo d’Alba. Classici sentori di sottobosco e china nel ricco Barolo Bricco San Pietro ’17, quasi astringente nell’incedere gustativo, ma in grado di esprimere insospettabili doti di armonia e piacevolezza nel lungo finale. Un po’ più semplice, con richiami vegetali di erba tagliata, il Barolo Sorano ’17. Splendida riuscita per il Nebbiolo d’Alba ’18, tra i migliori della tipologia, morbido e appena affumicato, di raro fascino.

Barolo Bricco San Pietro ’17 6
Nebbiolo d’Alba ’18 3*
Barbera d’Alba ’18 3
Barolo Borzone ’17 5
Barolo Sorano ’17 6
Diano d’Alba ’20 2*
Langhe Bianco ’20 3
Langhe Rosso ’20 3
Langhe Rosso Fiammingo ’19 3
Barolo Borzone ’16 5
Barolo Bricco San Pietro ’16 6
Diano d’Alba ’18 2*
Langhe Bianco ’19 2*
Langhe Rosso ’19 2*
Langhe Rosso Fiammingo ’18 4
3

Wein.plus 2020 -Barolo Sorano ’16

Rating

very good (89 WP)

Editor notes

Somewhat dried-floral as well as slightly iodine and earthy scent of predominantly red berries as well as a hint of tobacco and tar. Ripe, juicy, somewhat warm red fruit, slightly nutty, dried-floral and spicy tones, a hint of smoke and tar, dried-vegetable nuances, quite fine, youthful tannin, some bite, lots of power, a hint of coffee, dried mushrooms in the background, very good, high-alcohol finish

Vinibuoni d’Italia 2021

LE CECCHE

DIANO D’ALBA DOCG 2018

è stato inserito nella sezione VINI DA NON PERDERE della guida Vinibuoni d’Italia, avendo raggiunto la valutazione massima di 4 stelle per la sua piacevolezza, corrispondenza al vitigno ed equilibrio

2020 Vintage

The 2020 vintage began with no particular issues in winter, when temperatures were mild and
precipitations and snowfalls few and far between. The first part of spring was relatively dry and
sunny, ensuring a homogeneous resumption of plant growth, which began at the end of February
and ended – for the later-ripening varieties – towards late March. The months of March and April
were marked by fine weather and mild temperatures, with little rainfall, predicting in the first
instance an early harvest. This forecast was proved wrong in May however, when a considerable
number of rainy days was recorded in an unstable climate that continued until late June. On the
one hand, the advantage built up at the beginning of spring was worn out by the slowing down in
plant growth, while on the other hand, the accumulation of water in the soil, combined with not
overly high temperatures during the summer, prevented water stress issues. As far as production
volume is concerned, while early estimates tended to highlight high quantities, particularly for the
early-ripening varieties, thanks to the traditional practice of green harvesting the situation was later
normalized, further enhancing the quality of the grapes. In general, climate conditions were ideal,
with some soil management difficulties happening towards the end of spring, due to early fungal
attacks, as a result of May and June’s rainfall. Fortunately, these were not accompanied by
hailstorms or any other significant weather events.
The harvest began for the white grape varieties in early September, around one week earlier than
the historical average. Sugar and acidity levels proved to be lower than in the past, but they
remained steady during vinification, ensuring great balance between these two components
which is critical for this type of wine. Harvesting continued with the Dolcetto, which has produced
wines with very elegant aromas despite a drop in temperatures in some areas early in September,
resulting in a slowing down in the accumulation of sugars and a delayed harvest. As far as the
varieties with a longer ripening cycle, such as Barbera and Nebbiolo, are concerned, the harvest
looked like being an early one as soon as veraison took place between the beginning and the
middle of August. The subsequent drop in temperatures led to a temporary slowing down in
ripening, which restarted exponentially in the second half of September. Barbera, in particular,
immediately showed excellent parameters on analysis, with great sugar and acidity.
Nebbiolo proved to be in excellent condition when it was ready for picking: moderate overnight
temperatures led to a rapid accumulation of polyphenols, which were already at excellent levels
by the middle of September. Growth was constant, rather than exponential, so the grapes reached
technological maturation – in other words optimal sugar levels – between the end of September
and early October. In terms of acidity too, neither the Nebbiolo nor the Barbera suffered the losses
typical of short-cycle and hotter vintages. This may be due to early growth resulting from the
substantial supply of water at the beginning of the summer, which allowed the vines to
physiologically develop in the best possible way.
In conclusion, also considering grape ripening control data, the 2020 vintage can be said to be
extremely good with points of excellence, especially for the medium-long ageing wines, which are
showing characteristics that are perfect for achieving winemaking distinction.

 

Slow Wine 2021

VITA – Le Cecche è una dinamica realtà nata nel 2002 per mano del belga Jan de Bruyne, ex medico prestato alla vitivinicoltura. In questa avventura tra le bellissime colline di Diano d’Alba è accompa-gnato dalla moglie Paola Invrea, piemontese doc. Non solo: conta molto anche sui collaboratori, nel suo caso l’enologo Piero Ballano e l’agronomo Gian Piero Romana.

VIGNE – Diano significa dolcetto, ma Jan si misura anche con il nebbiolo da Barolo. Unico produttore a rivendicare in etichetta la menzione Borzone di Grinzane Cavour, può contare su vigne anche nei cru Sorano e Bricco San Pietro. Vicino alla cantina coltiva vecchie vigne di dolcetto, alcune risalenti anche al 1948.

VINI – Pulizia e profumi che invitano alla beva, corposità e longevità per i vini più importanti. Lo stile di Le Cecche è classico e attento a dare ampia espressività varietale ai vini.

  • Barolo Bricco San Pietro 2016 • 3.200 bt; 32 €  Note balsamiche, fruttate e floreali si alternano elegantemente. Ha grande personalità, per un sorso sontuoso e dal tannino morbido, di grande equilibrio.
  • Barolo Sorano 2016 • 2.200 bt; 36 €  I pro-fumi sono intensi: note balsamiche, di frutta rossa, floreali e speziate annunciano un vino complesso e strutturato con un tannino ben svolto.
  • Barolo Borzone 2016 • 1.200 bt; 26 €  Fine, con note che ricordano le erbe mediterranee, è un vino potente, con un tannino piacevole e un finale tostato, già godibile.
  • Nebbiolo d’Alba 2017 • 4.000 bt; 14 €  Ar-monico, speziato. dettagliato. Langhe Rosso 2019 • 8.000 bt: 8 € – – Avvol-gente, fruttato. gastronomico.
  • Langhe Rosso Fiammingo 2018 • 2.000 bt; 15 €  Possente, fruttato, profondo.

  • ha 8 – bt 37.500
  • Fertilizzanti letame in pellet. letame
  • Fitofarmaci rame e zolfo
  • Diserbo lavorazione meccanica/manuale
  • Lieviti selezione di lieviti indigeni
  • Uve 100% di proprietà
  • Certificazione nessuna certificazione
Older posts

© 2022 Winery Le Cecche

Web Development by DB ServicesUp ↑